domenica 9 maggio 2010

OGNI TANTO CI SI DIVERTE ANCHE CON LA MTB



E' stata una settimana di pioggia, vento e freddo, insomma un ritorno all'inverno...l'allenamento con la bici da corsa è sempre un trauma se piove e allora dopo la lavata presa di corsa venerdi mi son detto :" perchè non si esce con la mtb?" E allora eccomi qua a girare per i sentieri fangosi delle mie colline, in mezzo ai bochi e agli innumerevoli ruscelli formatisi dalle abbondanti piogge della settimana. Il tempo è stato abbastanza clemente, a parte un leggero venticello fresco il sole è rimasto in vista per tutto il pomeriggio e così mi son buttato sui vari percorsi delle tante gare che fanno qui in zona. Ho cercato invano di restare pulito, ma dopo la prima pozzanghera tutta la buona volontà è svanita, così fango e terra sono diventate un tutt'uno con la mia bici e le mie gambe. Dopo essere salito in località Piana mi son buttato verso Castelvecchio dove ho girato per il percorso della gara di Cerealto, giro piuttosto impegnativo e direi anche abbastanza tecnico, livello di difficoltà reso ancora più elevato dal fatto che tutto il terreno era un lago di fango, scivoloso e decisamente instabile.
Tenere a bada la bici era proprio un'impresa, sia nelle salite dove la ruota aveva a malapena un pò di grip, sia nelle discese dove andava ovunque come un cavallo inbizzarrito....
Infatti al primo sentiero la ruota anteriore si è piantata in mezzo ai sassi sommersi nel fango facendomi volare a mò di angelo nel prato trasformato per l'occasione in una laguna boschiva...dopo una sana risata ho fotografato la bici per immortalare il volo...e come direbbero la maggior parte dei bikers, cose che capitano...
ciao a tutti
filippo

1 commento:

kaiale ha detto...

eh si Pippo...
con il tempo della settimana passata bisogna adattarsi.
io mi devo accontentare dei rulli, non avendo la MTB...un'altra spesa per il momento non posso farla :)